sabato 11 dicembre 2010

Non e' Natale se non c'e'...

La prima risposta a questo simpaticissimo contest, indetto da Claudia , è venuta di getto ed è stata... i mandarini!! Se non ci sono i mandarini, col loro profumo intenso, il sapore dolce, le bucce da intagliare mentre si chiacchiera a fine pasto... no, non è Natale!!
Poi però, mi son resa conto che non potevo farla tanto semplice ;) e mi son messa a riflettere... quante cose mi son venute in mente! Ma la più cara di tutte è questa, ve la racconto!

Vi ho mai detto che fino a qualche anno fa cantavo in una Corale Polifonica?? Ebbene si, mi dilettavo col canto, o meglio, diciamola tutta... rompevo i timpani a un pò di gente e soprattutto, seguivo in giro il mio bel maritino -organista e basso- molto molto molto più talentuoso di me! Diciamo pure che non c'è storia, lui E' un musicista, io manco per niente!!Per i Concerti di Natale -non so ancora come mai- mi fu assegnato un canto da solista, molto bello, in dialetto, antico... talmente antico che solo le vecchiette lo conoscevano bene e solo loro erano contente di ascoltarlo. ;) Diciamo che ogni anno era un supplizio per me, che steccavo sempre sulla stessa nota e per loro, che mi sentivano steccare sempre meglio, anno dopo anno! Per chi volesse farsi un'idea, eccolo! Ovviamente, quella che canta non sono io ;)



Eseguivamo anche altri canti tipici natalizi ( e son stata capace di sbagliare anche Jingle Bells -_-') e altri brani "per intenditori". Nonostante tutto è stato un bel periodo e abbiamo fatto delle bellissime esperienze ( per ex coriste che mi leggono, nella mia hit ci sono in pole position ci sono Assisi e Capri, quante risate!! Per voi?). Vi state chiedendo cosa centra tutto questo con il Contest? Arrivo al dunque... Ogni anno, dopo il concerto di Natale, alcuni di noi -amici da una vita- si riunivano per commentare, divertirsi, cantare ancora e far sparire quei rimasugli di tensione e di adrenalina. Tra qualche nota al pianoforte, qualche tombolata e tante risate, c'era una cosa che non mancava mai! GLI STRUFFOLI!!
Mangiati uno a uno, assaporati con calma e nonchalance... in men che nn si dica sparivano!
Gli struffoli sono uno di quei dolci tipici napoletani irrinunciabili a Natale, un pò come le lenticchie e il cotechino il 31!
In genere il 25 se ne assaggiano pochi, vista l'abbondanza di pietanze; quindi spesso restano per qualche giorno, ma come vi dicevo, a casa mia il giorno del nostro Concerto, gli strufoli sparivano e prima di andare via, a tarda sera, puntualmente un paio di amici mi dicevano:
" Antonè, l'anno prossimo, gli struffoli, fanne un pò di più!". ;D
Ecco la ricetta.

STRUFFOLI AL FORNO


400 gr Farina
4 Uova

2 cucchiai Zucchero
25 ge Burro (o strutto)
Scorza di mezzo limone grattuggiata
Scorza di mezzo arancio grattuggiata
Un pizzico di Sale

Lavorare gli ingredienti fino ad ottenere una pasta compatta e omogenea. Lasciar riposare un paio di ore in una ciotola, coperta con una strofinaccio. Stendere la pasta, formare dei cilindretti sottili e tagliare dei tocchetti di circa 1 cm. Mettere gli struffoli su una teglia da forno foderata, a 180° gradi per circa 10 minuti o finché diventano dorati e gonfi.

Una volta raffreddati, si procede con la "glassatura".
Per circa 250 gr di struffoli, mettere in un pentolino 130/150 gr di MIELE MILLEFIORI e farlo scigliere a fuoco lento, aggiungere 2 gocce di LIMONE e versare gli struffoli. Amalgamare bene, rimestando spesso e lasciare che assorbano quanto più miele è possibile. Spegnere e togliere dal fuoco nel momento in cui inizia a formarsi una spece di schiumetta. Alzarli dal pentolino e adagiarli sul piatto da portata, eventualmente lasciando il miele eccedente. Infine decorare con confettini colorati, argentati, e cedro e ciliegine candite (che io non amo e quindi ho omesso).

Con questa ricetta partecipo al contest di Pasticci e Pastrocchi

Enjoy ;D

16 commenti:

  1. é sempre bello e piacevole leggere il tuo blog.....pensa che a volte rileggo i post vecchi.....
    Posso confermare da buona napoletana che gli strufoli dono buonissimi e ricordano molto il Natale insieme ai mandarini.......
    bacioni
    Raffy

    RispondiElimina
  2. uhm...che buoni devo assolutamente provare!

    RispondiElimina
  3. mandarini a parte è lo strufolo che fa Natale....e soprattutto fa IL NATALE DI CASA NOSTRA.
    CONFERMATE????
    E poi antonellina domani grazie al tuo post a pranzo sai cosa preparo?????
    GNOCCHI AL RAGU' ma al posto degli stufoli mi aspetta un dolce meno natalizio ma sempre napoletano....'o babbà!!!!!!!!!
    rossella

    RispondiElimina
  4. Raffy e Rossella: Per noi esiliate è così... casa nostra è sempre casa nostra!! Rossè, un babbino anche per me ci esce? ;)

    Simply, sono semplici e deliziosi. :D

    RispondiElimina
  5. anto io faccio un babà grande grande...passa d agenova che te lo offro.....kisssssssssssss

    RispondiElimina
  6. ah, pure io di assisi, capri, e postnatale ho un sacco di bei ricordi. come voltapartiture avevo un posto in prima fila ;)
    e pure di pasqua, i casatielli della mamma di Biagio XD
    (buoni gli struffoli, fanne un po' di più)

    RispondiElimina
  7. e io che pensavo di fare la "solita napoletana" scrivendo srtuFFoli... sono anche andata a correggere!! Ok, arivado e... Erba, io voto per il tuo casatiello!! ;P

    RispondiElimina
  8. io voto per assisi cmq...capri nn c'ero!!!!!

    RispondiElimina
  9. mi hai dato un bell'indizio... vediamo, assisi si capri no... Angela???

    RispondiElimina
  10. A capri io c'ero...e anche ad assisi...non potevamo mancare ai nostri cari concerti...lo ricordo come se fose ieri...le nostre cantate ad una sola voce come dimenticarle??ormai c'eravamo fuse così bene che da sole non ci trovavamo.. ;)

    RispondiElimina
  11. Questi struffoli sono davvero uno spettacolo!!!Smack!!

    RispondiElimina
  12. Di blog in blog sono venuta qui e ti ho aggiunta nel mio Elenco blog perchè... c'entra il Vento =) ti leggerò...questo post è stato divertente ciao...

    RispondiElimina
  13. Anonimo2: tu sei Angela, tesoro, chissà se ancora oggi le nostre voci si fondono come allora... proviamo? Senza di te, non canto più ;P

    Anonimo1: svelatiiii, son curiosaaa ^^

    Ambra: grazie cara, basta poco! ;)

    Ninfa: mi fa piacere e mi hai incurisito, verrò a trovarti :D

    RispondiElimina
  14. antone' che fai, vuoi italianizzare e finire a domandare di "un kilo di lividure"? (storia nella hit parade dei raccontini ferragostani, giusto per rientrare in tema)
    eehhh il Taliano è difficile!

    (bòòòòno il casatiello sempre e comunque, prenoto un apposito post celebrativo a tempo debito)

    RispondiElimina
  15. Erba: il Taiano è difficile e io me lo sto anche dimenticando... "E' a te il libro??" è al secondo posto della hit parade ormai! SIGH!!

    PS: Tu fammi il casatiello e io... vedrai quanti post che faccio... ce faccio proprio 'a post!! ;P

    RispondiElimina
  16. grazie del benvenuto!
    gli struffoli non li ho mai fatti, ma sono una delle ricette che mi attraeva di più quando da piccola li vedevo nei ricettari.. così colorati e gioiosi! come mi pare di capire che sia anche tu! e mi sembra anche che siano veloci da fare.. chissà che non decida di proporli in queste feste!
    e poi vedo che abbiamo la passione della musica in comune.. o almeno, il dilettarsi nel canto! :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...