venerdì 20 gennaio 2012

A meta' strada tra me e me

In questi ultimi giorni la mente va, gira ed esplora opportunità tanto remote quanto desiderate e pensa pensa pensa...

Ormai sono più tre di anni che siamo qui a Bruxelles e cosa ho assorbito da questo posto? In realtà non lo so, perchè mi sono resa conto che in tutto ciò che faccio, cerco sempre di metterci del mio, del mio bagaglio culturale (e culinario) della mia italianità e stravolgo sempre tutto sperando di ritrovare odori, sapori e voci della mia terra.

Sono partita con tanta voglia di conoscere, sperimentare e vedere e adesso ho solo tanta voglia di mostrare a mia figlia quali sono le nostre radici. Eh si, perchè se da un lato è divertente sentirle pronunciare il suo congnome con una R "belgissima", divorare patatine come noi divoravamo il pane pucciato nel sugo, o mischiare le due lingue come se fossero una l'estensione dell'altra -ma faute!- dall'altra mi viene sempre da rimpiangere ciò che potrebbere perdere.

Mi piacerebbe vederla trascorrere lunghe estati al mare, nel sole del nostro Sud, con altri bambini che per merenda mangiano pomodori crudi (quelli veri) e che ridono felici. Mi piacerebbero tante altre cose, ma poi penso alle possibilità infinite che il futuro qui le potrebbe riservare e... mi dico che è ora di mettersi all'opera, di preparare la cena e di smettere di farneticare! Oggi carbonnades, ma non alla flamande, no... a modo mio!! ;)

CARBONNADES A MODO MIO

1/2 kg di spezzatino
70 gr di salsa di pomodoro ciliegino*
1 cipolla
1 carota
1 cucchiaio do senape all'antica
1 Grimbergen blonde (birra bionda corposa)
30 gr di pancetta dolce a dadini
5/6 prugne secche denocciolate
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
olio evo
1 cucchiaino di dado home-made
Brodo di carne q.b
rosmarino

Puliamo e tagliamo finemente la cipolla, riduciamo in dadini la carota. In una casseruola un pò di olio e lasciamo soffriggere dolcemente cipola, carota, un ciufetto di rosmarino e la pancetta. Una volta che risultano dorati, aggiungiamo la passata e il concentrato di pomodoro e le prugne (che io ho tagliato a pezzettini). Lasciamo asciugare per qualche minuto poi aggiungiamo la carne -precedentemente insaporita con un velo di senape all'antica- lasciandola sigillare da tutti i lati. Una volta fatto questo, copriamo con la birra e se occorre con poco brodo. Incoperchiamo e lasciamo cuocere almeno un paio di ore a fuoco lento, rimestando di tanto in tanto. Se dovesse asciugarsi troppo, aggiungiamo ancora un pò di brodo.

Casseruola Le Creuset, piatto GreenGate,
salsa pronta di pomodoro ciliegino Agromonte *


Il risultato sarà un piatto davvero saporito, che fonde insieme i sapori forti del Belgio e il colore e la solarità dell'Italia. E' lì, nel mezzo... un pò dove mi sento io ;) Buon appetito amici!

8 commenti:

  1. E sei anche nel mezzo del mio cuorrrrrrrr!!! Bella lei!E anche la ricetta! ;-)

    RispondiElimina
  2. nel mio piccolo ti capisco. ho vissuto 2 anni e mezzo fuori napoli, tra Milano e Ferrara, e seppure non lontanissima da casa, ma ne sentivo un enorme mancanza. L'odore della mia terra, il suo caos, ma anche passeggiare a Mergellina o per Posillipo guardando il mare.. E poi la famiglia, gli amici.. Insomma un distacco non facilissimo e un ritorno felicissimo. E anche io come te, quando ero su, tentavo di portare la mia napoletanità in quelle terre, mescolando sapori e pronuncia :) Questa carbonnade (che in realtà come ricetta belga non la conosco) è proprio bella e secondo me anche buona :)

    RispondiElimina
  3. capisco il tuo stato d'animo,io sono di origine pugliese ma i miei figli sono nati entrambi in emilia e anch'io cerco di raccontare i miei odori,sapori...loro in estate vanno dai nonni e questi profumi li colgono però anche io sono consapevole che il futuro non è li x loro e forse neanche qui in emilia si vedrà ... buon we

    RispondiElimina
  4. che buon piattino! Pomodori a merenda??? Un abbraccio a tutti e tre :-)

    RispondiElimina
  5. Un pò ti capsico, sono talemnte radicata alla mia famiglia e alla mia città che quando me ne separo per qualche settimana già sto male...non oso immaginare come farei a stare così lontao per così tanto tempo! :-( Ottima questa ricetta, la trovo davevro gustosa!!!

    RispondiElimina
  6. Uno spezzatino che riscalda il cuore.Una ricetta che non conoscevo,ma che mi ha incuriosita tanto.
    Un abbraccio e buona serata cara.

    RispondiElimina
  7. Questo spezzatino ha davvero un'aria invitante, specie in queste giornate fredde!
    Mi unisco ai tuoi fan, se ti va dai una sbriciatina al mio blog, sono nuova e vorrei farmi conoscere un pochino ^_^
    http://thekitchennook.blogspot.com

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...