mercoledì 17 febbraio 2010

Donne si nasce, ma mamme... quando si diventa??


Eccoci qui, arrivate al traguardo delle 7 settimane della scricci e il bilancio è... si, beh, tutto sommato potrei dire che... forse un pochino... insomma un disastro!!
Le mie occhiaie sono sempre più nere e i miei reggiseni sempre meno sexy, passo il mio tempo tra una poppata e l'altra e quando sono al computer con entrambe le mani libere, per quei dieci minuti al giorno, in realtà ho il piede impegnato in un continuo dondolio della sdraietta dove la scricci continua a fare gorgheggi poco rassicuranti. L'attimo in cui si ferma e mi giro con la speranza di vederla addormentata, eccola che mi guarda col suo solito piglio incazzoso, quasi a dirmi " Devo ancora aspettare o mi prendi subito in braccio!?!".
Abbiamo ingaggiato un nuovo duello, io provo a farla stare di più in culla - devo pur salvaguardare la mia schiena, ho un'età ormai ;)- e lei riesce a fare il pieno di energie in 5 minuti contati di sonno, dopodichè cerca di dimostrarmi che il nome più appropriato per lei non era Serena, ma SIRENA!!
Devo ammettere però che ha un suo fascino quando diventa paonazza per lo sforzo e sporge il labbrotto inferiore, proprio come faccio spesso io... e indovinate a questo punto cosa succede?? Perdo!! Sotto tutti i fronti!!
Da quando c'è lei nella mia vita mi sento più donna...più quel tipo di donna che ho sempre ammirato, forte, altruista, responsabile e dalla mente aperta.
Sono più forte di prima grazie a lei, più responsabile rispetto alla ventenne sognatrice che ero fino a ieri, provo a guardare sempre oltre e a non soffermarmi troppo sui dettagli (spesso antipatici e deludenti) e di sicuro non sono più il centro del mio mondo!
Ma la domanda nasce spontanea... quando potrò dire di sentirmi mamma?? Premesso che io ho sempre visto la mia mamma come l'unica persona che sa sempre cosa fare, come farmi stare meglio e come combinare disastri sempre risolvibili... ebbene, io non so mai cosa è meglio fare con la mia scricciola, come farla stare bene, come aiutarla a rendersi indipendente, sicura, amata e come porre rimedio ai vari disastri che combiniamo!L'unica cosa che riesco a fare è stringerla quando piange, e abbracciarla quando sorride, avvolgerla quando la nutro e sussurrarle quanto la amo mentre la addormento, cantarle canzoncine divertenti mentre la cambio e sommeggerla di baci insieme al papà! E' questo diventare mamma?

12 commenti:

  1. E fai le cose più belle che una mamma può fare!! Stai andando benissimo e comunque mi hai fatto morire di risate quando l'hai soprannominata Sirena. Un figlio non è tutto quello che poeticamente raccontano ma è OLTRE!! in tutto!!!! E quando per pochi secondi al giorno l'esaurimento lascia il posto al rilassamento ti accorgi che non vorresti altra vita di questa.......

    RispondiElimina
  2. Manu, non avrei saputo dirlo meglio!! :*

    RispondiElimina
  3. Cara Antonella,
    innanzitutto ti faccio un mare di auguri per qusto lieto evento, è un pò che non passo di qui e non sapevo la novità!!! Dai un bacetto a 'scriccia-Sirena' da parte mia e ... vai tranquilla, le tue stesse sensazioni le ho provate anche io quando 4 anni e mezzo fa a 35 anni suonati ho dato alla luce il mio 'scriccio', seeee 4 chili e 260 gr di scriccio, non ti dico...ancora oggi io non mi sento 'mamma' nel senso che intendi tu, cioè di sapere smpre quello che è meglio fare per il mio piccolo, ho sempre paura di sbagliare, però so che fino ad ora mi sono affidata all'istinto, anche a qualche buon libro sinceramente, più di tutti 'IL LINGUAGGIO SEGRETO DEI NEONAti' DI Tracy Hogg e il libro 'GRAVIDANZA E PUERICULTURA' della Giunti, ma voglio specificare, non da usare come 'manuali' da sfogliare ogni volta che c'è un problemino, ma come letture importanti che ci possono aiutare, innanzitutto a sfatare tutta una serie di luoghi comuni sui neonati e bambini e sulle abitudini a loro legate e poi a rassicurarci proprio sul fatto che non esistono regole precise da seguire ma ogni bimbo e ogni mamma è storia a sè , per me sono stati un aiuto, per esempio hanno rafforzato la mia sensazione di non fare ricorso ai farmaci come spesso purtroppo vedo fare da tantissime mamme, pensa che io a mio figlio non ho mai fatto l'aerosol, e qui dalle mie parti sono una specie di 'marziana' qui ormai una gran parte dei bambini viene cresciuta a merendine e aerosol, io mi sono sempre rifiutata, non ho proprio acquistato la macchinetta, contravvenendo ai consigli dell'ostetrica del corso pre-parto, figurati!!! ma io credo che tu già vivi in una realtà un pò diversa e sicuramente più 'avanti' rispetto ai nostri pediatri (con le dovute eccezioni ovvio) che ancora consigliano di passare sul corpo le 'pezze con lo spirito' in caso di febbre alta, so che sei di Napoli e quindi capirai che intendo vero? già dalla descrizione della sala parto che hai fatto mi sembrava di sognare in confronto all'esprienza che ho avuto io! cmq ora ti lascio un enorme in bocca al lupo perchè ci vuole! mi raccomando esprimi sempre tutto quello che ti passa per la testa a tuo marito, in alcuni momenti io pensavo che lui non potesse capire e invece non è così o meglio anche se dovesse essere così, ti servirà cmq a sfogarti!
    per qualsiasi cosa ... solo perchè ci sono già passata e non perchè mi consideri una saggia chiaro!...sono qui, puoi scrivermi una mail se ti va ... e se hai tempo!
    un bacio forte e ... benvenuta mamma!
    dida

    RispondiElimina
  4. ops...scusami ho scritto un libro me nesono accorta solo dopo aver postato!!!
    volevo specificare, perchè ho saltato un pezzo, "di non fare ricorso ai farmaci per ogni minimo problema come un banale raffreddore"
    scusa...

    RispondiElimina
  5. Sorellona come al solito esprimi al meglio con chiarezza e ironia ciò che provi in qualsiasi cosa tu fai... per quando riguarda il ruolo di mamma, stai tranquilla che le cose andranno sempre meglio, anzi credo che in realtà sei sempre stata mamma, perchè quando non c'era mamma, io e bruno ci siamo sempre rivolti a te perchè sei la nostra sorella, amica e mamma! :-) un kiss azzeccuso azzecuso dal tuo fratellino!

    RispondiElimina
  6. l'esperienza più forte.. bella.. emozionante.. divertente..dolorosa... e avventurosa della mia vita e l'ho provata per ben tre volte, ogni volta in maniera differente.... e senza dirlo troppo forte mi piacerebbe ancora... che ti posso dire? che io da mamma cattiva ho sempre fatto piangere (un pò non troppissimo) i miei cuccioli, se erano puliti, avevano mangiato e non erano malati, che strillassero un pochino e poi si addormentavano, che non ho mai allattato ad oltranza ma tenevo i miei orari, che sono stata molto molto fortunata perchè non ho mai perso una notte di sonno da quando sono nati, se non nei rari momenti di malattia, che non si arriva mai a sentirsi adeguata, io mi chiedo sempre se stò sbagliano, dove e come, ma penso che sia la più grande esperienza d'amore che mi sia capitata nelle mia vita, anche più forte dell'amore verso mio marito o comunque un amore diverso.... cerca di stare serena, se riesci cerca sempre di trovare del tempo per te, avevo amiche che non riuscivano a farsi la doccia anche con un figlio solo... bisogna volersi bene per poter essere forti e serene con i nostri cuccioli.. se c'è qualcuno che ti aiuta fatti aiutare, se c'è qualcuno che si offre di stirare lavare e cucinare non dire mai di no, anche se poi il risultato non è come vorresti e vedrai che sarà sempre meglio, quandopoi comincerà a dire mamma, a sorriderti, a ridere con la voce, sono cose che non dimenticherai mai, e l'amore per loro sarà sempre più grande... infinito! è una bellissima avventura da condividere ovviamente con il papà...
    un abbraccio un pò "invidioso" ma un' invidia buona s'intende e un dolce bacio alla tua cucciola, ciao Ely
    p.s. penso di aver scritto un poema ma quando parlo di figli e di famiglia mi succede spesso :-)))

    RispondiElimina
  7. Meno male che i bambini che mettiamo al mondo sono piccoli e incoscienti, perché tutte le mamme del mondo non sono sicure e forti... è solo che noi da figli le vediamo così e anche la tua, qualsiasi cosa farai, per il solo fatto che sei la sua mamma, ti vedrà come tu vedevi la tua! Così come ogni mamma del mondo vede il prroprio bambino come il più bello e speciale del mondo.
    Tanti auguri mamma!
    Stefania

    RispondiElimina
  8. @Stefania: hai proprio ragine!! E spero davvero che mia figlia un giorno mi veda così...ma son più brava a combinare casini che a risolverli ;)

    @Ely: chi diceva "Aiutati che Dio ti aiuta"? Qui siamo solo noi tre e per quanto sia dura, hai ragione, basta nulla... un sorrisino sdentato e appena accennato a ripagarti di tutta la fatica e il sonno perso... ti confesso una cosa, anche io penso già al prossimo!! Un saluto affettuoso a te e ai tuoi 3 bimbi :D

    @Dida: sono perfettamente d'accordo sulla questione dei medicinali, ed in effetti qui è mooolto diverso da come gestiscono le cose a Napoli, anche per questo sono contenta di crescere qui a mia bimba :) Grazie per le tue parole e ti prendo in parola... nei momenti di sclero totale mi sa che romperò le scatoline alle mamme più esperte :)

    @Fratooo ti voglio trooppooo beneee :D

    RispondiElimina
  9. non so se i è capito, ma scrivevo con la mia scricciolina in braccio... perdonate gli errori ^^

    RispondiElimina
  10. Che carino il tuo post! Auguroni per essere diventata mamma! La tua piccola Sirena, ops Serena, in questo momento abbia proprio bisogno che tu le sia vicina e la ricopra di affetto.

    RispondiElimina
  11. Rispondo alla tua domanda sullo straccetto che il Topastro si mette sulla faccia per dormire: @Antonella: lo straccetto glielo lascio, anche perchè alcune sere sono talmente stanca che vado a dormire poco dopo il Topastro. Cmq non credo che ci sia pericolo che soffochi, è uno straccettino piccolo, del tessuno tipo asciugamano ma leggero. E inoltre la prima volta che il Topastro si gira su se stesso cade e rimane sul cuscino o sotto le coperte. Il cuscino sulla faccia invece faceva un pochino paura anche a me. E pure io su alcune cose sono un pochino ansiosa, ogni mamma ha le proprie manie e paure, credo sia normale!
    E considera che il mio Topo compie tre anni a fine maggio, quando era piccolo piccolo avevo molte più paure, poi con il tempo vedi crescere questi esserini microscopici e ti sembrano un pochino più forti rispetto ai primi tempi in cui sono completamente indifesi.

    RispondiElimina
  12. si essere mamma è questo... insieme a tutto quello che verrà, pian piano, da se...
    nessuna di noi nasce mamma... lo diventiamo pian piano, per istinto, per amore, per sopravvivenza!!!
    anche mia figlia da piccolissima dormiva poco e la allattavo in continuazione: uno stress, ma ne è valsa la pena!.. parlale tanto, dalle dei ritmi attraverso dei riti giornalieri.. prenditi un pò di tempo x te e goditi la tua bimba, son momenti che volano!
    in bocca al lupo!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...