giovedì 16 settembre 2010

Piccola divagazione


Nel riappropiarci nei nostri spazi e dei nostri tempi, si tentano anche nuove imprese.
Dopo otto mesi e mezzo di mammità credevo di essermi costruita un ruolo, una reputazione agli occhi di mia figlia; provo ad essere severa quando serve e indulgente di tanto in tanto. Pensavo che presto ne avrei raccolto i frutti e speravo che il raccolto fosse prospero, invece...
Invece la scricci ha un rapporto strano con il "dito puntato", non nel senso astratto del termine, proprio con quello fisico. Ora mi spiego.
Serena, sin da subito, è stata una bimba molto caparbia e volitiva, se non si faceva come voleva lei, le urla si sentivano ovunque, ma su questo abbiamo lavorato sin da subito e ora che siamo nell'età giusta perchè davvero capisca cosa può fare e cosa no, abbiamo intensificato non poco le lista delle cose permesse e di quelle che assolutamente non può fare. Qui per un attimo ho sentito il profumo del potere, dato che la lista è completamente a mia discrezione e oltre ai classici "non puoi tuffarti dal divano" e "nemmeno dal fasciatoio", nella mia personale lista figurano anche ordini come:
  • Non puoi toglierti i calzini se non quando lo dico io!
  • Non puoi toccare le etichette -le sue manine arrivano ovunque!-
  • Non puoi ciucciarti il bordo della culla -siamo strane, lo so!-
L'ebbrezza del potere però è durata meno di un istante, perchè io posso decidere cosa può fare e cosa no, ma lei può decidere se ascoltarmi o no... e indovinate cosa sceglie?
Allora, per darmi più un tono e per forzarmi a non alzare troppo la voce - già è isterica di suo, se le urlo anche io è finita!- mi aiuto con l'imposizione del dito, la classica posa del "NON SI FA!" col dito che si muove come un pendolo minaccioso proprio davanti al suo nasino all'insù.
Reazioni:
  1. Comincia a ridere come una pazza pensando che sia un nuovo gioco.
  2. Affamatissima, lo prende, lo porta alla bocca e se lo ciuccia.
  3. Prova a seguire il movimento ondulatorio, ma la distanza troppo ravvicinata aumenta il suo piccolo strabimo e a me viene da ridere.
Ecco, io con lei GNIAPOSSOFA'!
Ma non è solo allergica all'autorità, ha proprio un problema col "dito puntato".
Giorni fa leggevo che in questo periodo iniziano a additare gli oggetti che desiderano toccare, ci ho riflettuto un attimo e non ricordavo una sola volta che lei avesse puntato il dito per indicare un oggetto. In genere se lo va a prendere strisciando, buttandosi a pesce e rotolando, oppure se proprio non può arrivarci da sola si anima tutta, allargando le braccia, saltellando sul popò e guardando l'oggetto del desiderio con concupiscenza. Allora ho fatto una prova.... fuuuuurba io!
Lei stava giocando con il telecomando, mi avvicino, glielo prendo e poi le metto davanti il suddetto telecomando e un giochino. Con voce garrula le chiedo: "Serena, con cosa vuoi giocare? Col giochino?" e glielo passo sotto il naso, lei non stacca gli occhi dal telecomando e il gioco non se lo fila manco di striscio. Allora le mostro l'oggetto del desiderio e l'oggetto sfigato del momento, chiedendole "Vuoi questo o quello?" tenendoli davanti al suo visino. Continuando ad animarsi solo alla vista dell'adorato telecomando, con mia sorpresa si avventa sul giochino, lo lancia via a mò di scarpa vecchia e si avventa sulla sua preda! Ecco, questa è la scricci... a Napoli direbbero: "Oì, t'à fatt!"

6 commenti:

  1. Mi hai fatta davvero sorridere con le 3 reazioni da "imposizione del dito"... credo che il mio potrebbe reagire in maniera simile, anzi da domani ci provo ah ah!!! Anche il mio cucciolo ciuccia (non il bordo della culla) ma i braccioli del seggiolone ... e a ben pensarci... in quell'occasione anch'io ho detto spesso "non si fa"... naturalmente lui ha continuato!!! Essendo più piccolo non indica ancora, ma è un fanatico dell'UNO!!! Fa sempre UNO con l'indice rivolto in su, sta diventando famoso per questo ;)

    RispondiElimina
  2. E il bello deve ancora arrivare........mi sa che quando incomincia a parlare Serena ci sarà da ridere davvero!
    Rosita

    RispondiElimina
  3. mi fanno morire quando fanno così.... anche i miei facevano così da piccoli...lanciavano quello che non interessava e cercavano di arraffare "l'oggetto del desiderio".... per il carattere se ci nasce rimane così anche se puoi cercare di importi e "limarlo" un pò...te lo dico perchè la mia twin G appena nata aveva già dimostrato il suo temperamento...mantenuto al 100%...è dolcissima ma altrettanto tosta... noi ci impuntiamo sul no per tante cose...qualche volta cede...ma quante storie....sono caratteri...

    RispondiElimina
  4. aeh si, vedo che un pò tutte voi mamme mi capite benissimo... d'altronde questo caratterino da qualcuno lo avranno preso! ;)

    RispondiElimina
  5. Simpaticissimo il tuo racconto...è incredibile quanto ci si metta a farsi ascoltare dai bambini...seppur piccolissimi! Ne ho la prova con il mio cucciolo che ha solo un pò più di 2 anni! Ma tanto riescono a farsi adorare lo stesso!!! :)
    Ciao! Veronica

    RispondiElimina
  6. ciao
    passa da me che c'è una sorpresina per te.
    bacio
    Antonella

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...